Recensione: "Dust" di Hugh Howey

Buonasera Lettori cari, ultimamente Morfeo sembra essere arrabbiato con me. Mi impedisce di mettere piede nel suo regno, e quando riesco a entrarci di soppiatto… vengo sbattuta fuori dopo una brevissima pennichella.

Che fare dunque, quando i criceti sulla ruota iniziano a correre anche nelle ore che appartengono al silenzio?

Si legge un buon libro ovviamente ^_^

Tutto questo noioso preambolo è per dirvi che questa notte ho terminato di leggere “Dust“, il capitolo conclusivo della fantastica Trilogia del Silo di Hugh Howey!

Trattandosi del capitolo conclusivo non mi sbottonerò più di tanto (come sempre del resto), perché non voglio assolutamente privarvi del gusto che questa lettura vi donerà per certo.

Ma prima di dirvi cosa penso di Dust, mi sembra doveroso spendere due paroline per presentare quantomeno l’ambientazione della storia narrata da Howey.

Dust - cover.jpg

Siamo in un futuro apocalittico, in cui l’aria è diventata tossica e uccide, e coloro che sono sopravvissuti hanno dato vita a una comunità rinchiusa in un gigantesco silo sotterraneo. In questo Silo però ci sono molte regole da seguire, e chi le infrange…

Non intendo svelarvi altro. Questa storia pazzesca va scoperta poco a poco.

Un libro (anzi tre libri) scritto egregiamente, capace di catturare l’interesse e la curiosità del lettore che, pagina dopo pagina, ha sempre più fame di conoscenza. Esattamente come alcuni personaggi della storia mi verrebbe da dire 😉

Un ingrediente che a mio avviso non può assolutamente mancare in un libro… è la sorpresa. E qui di sorprese ce ne sono davvero molte!

Senza dilungarmi troppo, concludo dicendovi che questa serie è da leggere ASSOLUTAMENTE!

Per l’originalità della trama, per il modo in cui descrive una società futuristica immaginaria (o presente e reale?), perché mette a nudo l’uomo e le debolezze che sono in grado di controllarlo.

La lettura di questa serie ti spinge a proseguire fino all’ultima pagina, e fino alle ultime battute tiene la tua curiosità in pugno!

Perché più leggi e più vuoi sapere!

Più scopri e più vuoi scoprire! Ed ecco che alla fine, proprio per questo motivo, ti ritrovi a essere uno dei protagonisti.

Armato di domande e desideroso di risposte.

Voci di corridoio dicono che la 20th Century Fox abbia acquistato i diritti cinematografici e io lo spero tanto 😉

Dust - estratto.jpg

Insomma… addentratevi nel mondo di Howey. Ne vale davvero la pena 😉

Alla prossima!

Bye Bye

Leggere Distopico

Un pensiero su “Recensione: "Dust" di Hugh Howey

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto