Futurae – Sharon Vescio

TRAMA:

Katerina non ha nulla di cui lamentarsi, essendo una riproduttrice, la sua vita consiste nel piacere reciproco, ma quando una sera, durante la sorveglianza dell’attività di famiglia, viene sequestrata e rinchiusa nei laboratori scientifici della città, tutto cambia.
La ragazza viene etichetta con un parola che non conosce, e che potrebbe fare la differenza nel sistema monarchico che vige nell’anno 2168.
Ad aiutarla a scoprire la verità, il suo amante Nathaniel, e Ethan, un ragazzo che sembra da subito propenso a pensare che ci sia qualcosa di sbagliato all’intero del sistema.
Riunisce tutti i ragazzi sottoposti allo stesso supplizio di Katerina e ne forma un gruppo, ognuno appartenente a una delle sei categorie di lavoro, per entrare di nascosto nell’edificio degli informatici, il luogo dove è custodito il retup, sistema informatico creato dagli antichi e sopravvissuto al tempo.
Il retup svela delle informazioni che nessuno avrebbe potuto immaginare e l’unico ostacolo per uscire dalla città, e conoscere davvero l’Italia, è oltrepassare il muro intorno ai campi dei sostanziosi.
Il viaggio si rivela istruttivo e pieno di ostacoli, ma grazie a un’affinità reciproca, il gruppo riusce ad arrivare a destinazione e a scoprire la sconcertante verità sulla città da cui erano fuggiti.
Che c’entrino qualcosa gli esperimenti sulle mutazioni genetiche?
Qual è il modo per cambiare un sistema ormai radicato?

Il romanzo è disponibile solo su WattPad

Leggere Distopico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto