Recensione: "Now" di Stephan R. Meier

Buongiorno cari Lettori.

Oggi vi parlo di un romanzo che, ahimè, ha molto deluso le mie aspettative.

Si tratta di Now di Stephan R. Meier, edito dalla Fanucci.

TRAMA:

Attraverso fitte foreste, braccato da droni che dall’alto scandagliano i segni della sua presenza, Spark cerca di sfuggire alla sorte beffarda che il destino gli ha riservato. Prima del giorno infausto in cui suo padre morì, era uno dei cittadini privilegiati di Eden, il mondo perfetto della tecnologia, il luogo in cui le esistenze dipendono in tutto e per tutto da now, l’intelligenza artificiale avanzata sviluppata grazie ai cospicui finanziamenti elargiti dal Pentagono. Ora Spark vaga nei territori che si estendono al di fuori di Eden, privato dei suoi diritti e di qualsiasi garanzia di sopravvivenza. Qualcuno – o qualcosa – ha deciso che i segreti che ha scoperto sulla morte di suo padre devono restare sepolti ed è disposto a tutto, anche a ricorrere alla violenza più cieca, pur di raggiungere lo scopo. A Spark non resta che lottare per non soccombere, perché in gioco, oltre alla sua vita e a quella delle persone a lui più care, c’è il futuro del mondo. Un thriller adrenalinico, un sorprendente romanzo d’esordio.

RECENSIONE:

Come potete notare dalla foto, ero più che entusiasta di iniziare questo viaggio. Peccato che già dopo le prime pagine il mio sorriso si fosse già spento.

Lettura rallentata dalle minuziose e spesso inutili descrizioni. E non parliamo solo dell’ambiente circostante, ma dei gesti dei personaggi. In alcuni passaggi ho temuto che l’autore mi spiegasse da che parte stesse scorrendo il sangue nel corpo del personaggio!

E poi che dire dei dialoghi???

Li ho trovati banali e infantili, a volte quasi sull’orlo del ridicolo.

Mi dispiace, lo so che posso sembrare cattiva, ma i tanti lati negativi che ho trovato hanno oscurato quel poco di buono che forse c’era. Nella trama? Non credo. Nell’ambientazione? Forse.

Non mi dilungherò oltre su questo libro. Io non sconsiglio mai una lettura, perché ciò che non è piaciuto a me non significa che non possa piacere a voi. Quindi, se vi capiterà di leggere NOW, fatemi sapere se la vostra visione sarà diversa dalla mia.

Al prossimo romanzo! E speriamo che sia migliore di questo 😛

Leggere Distopico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto