Recensione: "Manuale di scrittura di fantascienza" di Giulia Abbate e Franco Ricciardiello

Buongiorno cari lettori.

A volte capite che durante alcune discussioni nate all’interno del nostro gruppo Facebook, ci si imbatta in titoli nuovi e non ancora scoperti.

Uno di questi titoli è proprio quello di cui voglio parlarvi oggi “Manuale di scrittura di fantascienza” di Giulia Abbate e Franco Ricciardiello, edito da Odoya.

TRAMA:

La fantascienza è oggi un genere di enorme successo: nel cinema, nelle serie tv, in fortunate saghe letterarie, il pubblico cerca visioni del futuro che si riflettano sul nostro presente e ci aiutino tanto a sognare, quanto a capire. Le storie di fantascienza, distopiche, di speculative fiction e di narrativa di anticipazione alla Black Mirror hanno una comunità di lettori e lettrici attenti, esigenti e sensibili alla qualità, oltre che ai contenuti teorici. Gli scrittori e le scrittrici ne sono consapevoli, ma hanno spesso pochi strumenti per lavorare in modo professionale e soddisfacente, senza incorrere nei problemi tipici di un genere amato, ma complesso e ancora poco conosciuto nei suoi meccanismi interni. Questo manuale nasce per aiutare chi si avvicina alla scrittura speculativa a farlo nel modo migliore: dopo una introduzione che delinea una rapida panoramica sulla tradizione della fantascienza, espone (con agili schede di lettura) quello che è utile sapere sul canone di riferimento e sui “luoghi comuni” che non si possono ignorare. Ma lo fa in chiave operativa, concentrandosi sul funzionamento delle storie, sulla loro costruzione, sugli aspetti principali da conoscere per cominciare a scrivere subito. Un metodo pratico di scrittura che spiega chiaramente cosa fare (e come farlo meglio) e cosa non fare, il tutto pensato per mettere autori e autrici in condizione di scrivere più facilmente e più velocemente, con cognizione di causa e con l’amore per un genere che è principalmente un punto di vista, e che si presta a infinite declinazioni una volta compresa la sua essenza peculiare.

RECENSIONE:

Nell’ultimo periodo sto masticando diversi manuali di scrittura (la voglia di crescere e imparare non mi abbandona mai 😉 ), e devo dire che la mia opinione su questo titolo non può che essere positiva.

Prima di tutto si evince da ogni singola pagina che è stato scritto da persone competenti. I titoli citati come esempi nelle varie parti del manuale, sono la prova che prima di cimentarsi nella scrittura, Giulia e Franco hanno macinato moltissimi chilometri nel genere Fantascientifico.

Fin dall’introduzione verrete presi per mano e accompagnati passo dopo passo nell’avventura che si chiama scrittura. A partire dall’idea che scaturisce nella nostra testa alla creazione dei personaggi, dall’ambientazione all’intreccio. Riceverete suggerimenti sul metodo più efficace in cui organizzare il vostro lavoro, scoprendo che per quanto creativo possa essere costruire una storia, non si va da nessuna parte se non si ha un buon metodo e se non si seguono dei binari. Almeno per certi aspetti 😉

Nelle pagine di questo libro vengono descritti anche alcuni dei sottogeneri della fantascienza, diciamo quelli più in voga al momento, perciò si parla anche di Distopia.

Chi mi segue da un po’ sa che ho sempre affermato che la Distopia, a mio modesto parere, è sempre stata classificata erroneamente come sottogenere della fantascienza, ebbene, dopo aver letto questo manuale, posso affermare che la Distopia, nata come sottogenere della fantascienza, oggi abbia una rilevanza maggiore rispetto al passato e che, magari ( 😉 ) può iniziare a essere considerata come un genere a sé stante, contaminato a sua volta da sfumature di generi differenti.

A parte questo appunto personale, faccio i miei complimenti agli autori perché hanno centrato l’obiettivo soprattutto per quanto riguarda l’errata percezione della fantascienza in generale. Purtroppo ancora oggi si pensa che si tratti solamente di alieni, navicelle spaziali e universi paralleli. Invece no. La fantascienza è molto più di questo e io vi invito caldamente a leggere questo manuale, anche se non siete scrittori, per poter comprendere a fondo questa colonna della letteratura.

LINK DI AMAZON PER ORDINARE IL LIBRO
Qui invece trovate l’intervista che abbiamo rivolto agli autori.

Leggere Distopico

Un pensiero su “Recensione: "Manuale di scrittura di fantascienza" di Giulia Abbate e Franco Ricciardiello

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto