Approvati da noi Distopie del Passato Gli Imperdibili I Grandi Classici Libri Distopici Recensioni

Recensione: “Esperimenti e Catastrofi” di Frank Herbert.

Amazon.it: Esperimenti e catastrofi - Herbert, Frank, Forte, F., Rambelli,  R. - Libri

TRAMA

La folle utopia di uno scienziato creatore di una civiltà tanto perfetta quanto mostruosa. Un mondo arido e velenoso, palcoscenico di un esperimento psicologico planetario. La sete di vendetta di un genio impazzito che diffonde sulla Terra un virus in grado di sterminare la specie umana. Dal creatore del mondo di Dune, tre romanzi apocalittici sui limiti che l’uomo non dovrebbe mai superare. All’interno: “L’alveare di Hellstrom”, “Esperimento Dosadi” e “Il morbo bianco”; i tre romanzi mettono in scena scenari apocalittici ed esplorano i temi come la sopravvivenza umana, la religione e i limiti che la scienza non dovrebbe oltrepassare. I protagonisti dei tre romanzi mettono in atto progetti ambiziosi e pericolosi in un mondo dove distinguere “buoni” e “cattivi” è sempre più arduo.

RECENSIONE

Esperimenti e Catastrofi, edito da Mondadori nella collana Urania Draghi, è tomo che raccoglie tre grandi storie scritte dal padre di Dune. Ottocento pagine per raccontare cosa succede quando si superano i limiti della ragione, quando le azioni dei mortali sfidano gli equilibri della natura.

Herbert non è nuovo a queste tematiche, è uno dei più grandi scrittori di saghe fantascientifiche e ha sempre affrontato con attenzione il pericolo di una devastazione autoindotta dalla follia umana, o forse sarebbe meglio dire dei mortali. Dalle sue pagine, che hanno la mia età ma che sembrano scritte ieri, emergono tre scenari pericolosamente in linea con quanto potremmo aspettarci dal nostro futuro.:

In Esperimenti e Catastrofi troviamo tre romanzi che possono essere letti in maniera indipendente, ognuno con un imprinting immaginario molto forte e delle domande nascoste tra le righe che ci faranno riflettere.

  • L’alveare di Hellstrom

Herbert ci trascina in un’America governata da uno stato militare, dove la democrazia non ha più alcun valore e l’Agenzia sotterra segreti come un cane che trova cadaveri.

O forse alieni.

La Fattoria di Nils Hellstrom è un mondo nel mondo, un luogo in cui un misterioso Progetto 40 ha modificato per sempre le basi delle vita e dell’organizzazione sociale. Ognuno ha un ruolo, gli accoppiamenti sono predeterminati, la società è retta su leggi imperiali mascherate da democrazia e la libertà è un lusso che nessuno conosce. Dietro una grande utopia, in cui ogni conflitto è stato abolito, si nasconde un orrore vecchio di secoli… lascio a voi il piacere di scoprire quale.

  • Esperimento Dosadi

Dosadi è un mondo isolato, lontano dalle principali civiltà, il luogo perfetto per uno dei più grandi esperimenti di controllo sociale che sia mai stato effettuato.

Diverse razze incrociano i loro pensieri in una storia complessa e ben curata. Umani, Gowachin, PanSpechi, Calibani e Wreave sono i testimoni di un segreto, i protagonisti di una narrazione ad ampio respiro che affronta il dilemma del controllo e le sue inaspettate conseguenze.

La realtà che emerge agli occhi degli scienziati li terrorizza, le cosa non sono andate come speravano e l’unica opzione è la… beh, scopritelo voi.

  • Il morbo bianco

Forse la più forte delle tre storie, e anche la più corposa, Il morbo bianco affronta un tema tanto semplice quanto controverso: quello della vendetta.

John O’Neil è un biologo, un uomo geniale, che un giorno vede morire sua moglie e i suoi figli in un attentato. Straziato dal dolore, e incapace di razionalizzarlo, decide che è arrivato il momento di far provare al mondo il suo dolore. Non vuole vendetta sugli assassini, non vuole vederli morire, vuole che tutti sappiano cosa significhi perdere chi si ama. La razza umana deve soffrire prima di estinguersi e il miglior modo per farlo è quello di creare un virus che uccide solamente… Ah, pensavate veramente che ve lo dicessi? Mai spoiler, è la mia unica regola.

Rispetto ai precedenti Il morbo bianco ha una narrazione più intima, a tratti anche opprimente. Naviga tra le domande che ognuno di noi si farebbe se si trovasse nella stessa situazione del protagonista, l’etica e il desiderio di vendetta si intrecciano fino all’ultima pagina, lasciando la lettore l’arduo compito di decidere cosa sia più giusto.

In conclusione posso dire che Esperimenti e Catastrofi è un gran bel libro, non solo per la qualità dei testi (non a caso sono di Frank Herbert) ma principalmente per gli spunti di riflessione che generano nel lettore. Sono grandi testi di fantascienza che nascondono tra le righe dei quesiti sul nostro futuro.

Leggetelo.

A presto.

Delos

Ti potrebbero interessare anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *