Recensione: Titano – Fuga dal limbo di Alfonso Dama.

Trama Nel futuro sarà possibile rigenerare il corpo perennemente, mantenendolo giovane in eterno. Ma c’è poco da fare per il cervello: una sofisticata nanotecnologia riuscirà a rallentarne l’invecchiamento, ma alla fine, anche se dopo un tempo lunghissimo, non ci sarà più nulla da fare. Oltre un certo limite i vecchi diventano pericolosi, impazziscono, acquistano poteriLeggi tutto ⟶

Collisione. La Principessa dei Mondi #3 – Monica Brizzi

TRAMA: Il dolore si era trasformato in collera e rivalsa. La mia mente urlava una sola cosa: vendetta. Vendetta. Vendetta. E lo sputai, come un drago con il fuoco. Sputai ciò che desideravo e che bramavo con una nuova forza.«Se siete stati voi… beh, sto venendo a prendervi.» Maxilimilian Davis Hall e Niristilia Nerol dellaLeggi tutto ⟶

La prigione di carta – Marco Onnenbo

TRAMA: Un professore appassionato e idealista in lotta per salvare la scrittura e i libri dall’oblio. Un romanzo distopico di grande attualità nell’era del digitale. Malcolm King è professore di scrittura creativa al college di Brownsville, dove vive con la moglie Lynette e il figlio Buddy. Idealista dalla solida cultura umanistica, insegna alla prima generazioneLeggi tutto ⟶

Recensione: “Catena alimentare” di Stefano Tevini

Tra distopia e violenza, “Catena alimentare” di Stefano Tevini, si legge tutto d’un fiato. Lo stile frenetico è perfetto per questa storia, che viene raccontata molto bene. Trama:Nel mondo di domani, i governi hanno chiuso i battenti e la legge ha dichiarato fallimento. Le uniche regole sono vendere e comprare, e il valore della vitaLeggi tutto ⟶

L’UOMO CHE FUGGÌ DAL FUTURO: dal regista di Star Wars una piccola perla del cinema distopico

Ebbene sì. Prima di raccontarci storie di galassie lontane lontane e di mostrarci pirotecnici duelli a colpi di spada laser, George Lucas gira un film molto particolare, pietra miliare della filmografia distopica: L’uomo che fuggì dal futuro. Siamo nel 1971 e Lucas immagina una società futuristica dominata dalla tecnologia:  un mondo claustrofobico e alienante comeLeggi tutto ⟶

Recensione: Galaxy Express 999 di Leiji Matsumoto

Non è semplice approcciare un opera come questa, l’immaginario collettivo permea le trame della storia e affonda nel malinconico affetto dei ricordi. Ispirato all’opera Una notte sul treno della Via Lattea di Kenji Miyazawa il manga viene pubblicato per la prima volta nel 1977 e da quell’anno ha continuato a influenzare l’immaginario di milioni diLeggi tutto ⟶

Recensione: “Falce” di Neal Shusterman

TRAMA Un mondo senza fame, senza guerre, senza povertà, senza malattie. Un mondo senza morte. Un mondo in cui l’umanità è riuscita a sconfiggere i suoi incubi peggiori. A occuparsi di tutte le necessità della razza umana è il Thunderhead, un’immensa, onnisciente e onnipotente intelligenza artificiale. Il Thunderhead non sbaglia mai, e soprattutto non haLeggi tutto ⟶

I am Mother: l’intelligenza artificiale salverà il mondo?

La razza umana si è estinta. L’unica superstite è un’adolescente allevata da un droide in un bunker sotterraneo. Il robot si fa chiamare “Madre” ed è stata progettata per ripopolare la Terra. L’incontro con un altro essere umano (una donna), apre una crepa nelle convinzioni con cui è cresciuta la ragazza e i dubbi inizianoLeggi tutto ⟶