Recensione: Radicalized di Cory Doctorow

Letto nella versione di Urania, e non in quella iniziale di mamma Mondadori, ho preso Radicalized attratto da una delle quattro storie contenute nell’antologia.

TRAMA

CORY DOCTOROW è uno dei grandi narratori del nostro prossimo futuro. Spietati e pieni di compassione, i quattro racconti che compongono Radicalized gettano uno sguardo implacabile sulle contraddizioni laceranti di quella stessa umanità che, nonostante tutto, potrebbe ancora salvarci.

Per esempio.
Insegnare ai figli dei vicini come hackerare i loro elettrodomestici andati in blocco dopo il fallimento della casa produttrice può farti rischiare decine di anni di carcere.

Oppure.
L’American Eagle, il supereroe campione di verità e giustizia, si è accorto che la polizia ha l’abitudine di commettere abusi su persone innocenti, nascondere le prove e mentire al riguardo.

E ancora.
L’assicurazione sanitaria della moglie di Joe si rifiuta di pagarle nuove terapie. Joe comincia a passare sempre più tempo su un forum online e poco dopo iniziano gli attentati.

Infine.
Una fortezza nel deserto, attrezzata con cibo, armi e antibiotici. Trenta eletti che sopravvivranno al grande crollo e ne usciranno pronti a ricostruire. Perché loro sono quelli intelligenti. E niente può andare storto.

RECENSIONE

Radicalized è un’antologia di quattro racconti, molto diversi tra loro e che affrontano tematiche che hanno come filo conduttore il futuro. Quattro ipotesi per esplorare altrettante storie di piccola umanità.

Ambientate in un presente futuristico, in un periodo temporale non definito ma non molto lontano dal nostro presente, le storie raccontate da Cory Doctorow analizzano le debolezze della nostra società e le portano all’estremo. Scavano nel malessere comune per far emergere delle domande a cui oggi nessuno vuole rispondere.

Nel primo racconto, in cui le disparità sociali vengono estremizzate dal consumismo tecnologico, possiamo osservare una fotografia critica di chi siamo e di come il finto perbenismo occidentale sia ghettizzante. Un’analisi dura di una società che non ha voglia di vedere i poveri, che non tollera chi non può vivere sopra una soglia minima di lusso.

La vena critica mostrata nella prima storia, procede inesorabile anche nelle successive per sviscerare altre fragilità della nostra società. Razzismo, diritto alla salute e sopravvivenza sono alcuni dei temi che vengono affrontati attraverso le metafore futuristiche in cui si muovono i personaggi. Può un governo accettare un supereroe alieno quando si erge per aiutare i più deboli e non per distruggere i missili del nemico? La salute è un diritto o un lusso? E se arrivasse realmente la fine, come dovrebbero comportarsi i superstiti?

Potrei andare avanti a lungo con i quesiti nascosti tra le pagine dell’antologia. Le paure e le accuse all’America di oggi sono tante. Troppe per così poche pagine. Nonostante la prosa di alcune storie non mi sia piaciuta particolarmente, specialmente in Minoranza Modello, racconto che mi aveva spinto a prendere il libro, ho molto apprezzato il lavoro e l’analisi con cui Cory Doctorow sostiene le storie.

Radicalized è una buona antologia, d’intrattenimento per chi cerca solo quello, e di riflessione per chi vuole interrogarsi sui fatti e sui motivi che hanno portato l’autore a interrogarsi su questi quattro possibili futuri.

A presto.

Delos

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: